Restituzione modem

Modem in acquisto rateizzato: Cosa fare in caso di cambio operatore o disdetta utenza telefonica?

Contattaci per ricevere maggiori informazioni a riguardo e sapere come ottenere gli indennizzi che ti spettano.

La Delibera 348/18/CONS dell’Autorità Garante per le Comunicazioni ha introdotto misure importanti per gli utenti di contratti di servizi di telecomunicazioni in merito alla questione del cosiddetto “modem libero”.

Nonostante ciò, pare non sia ancora chiaro a tutti gli utenti come cambiare operatore telefonico senza incorrere nell’addebito in un’unica soluzione delle rate residue del modem o senza dover proseguire nel pagamento di un dispositivo che, a seguito di cambio operatore o disdetta linea telefonica, rimarrebbe inutilizzato.

Facciamo allora chiarezza su cosa hanno stabilito le recenti normative in materia:

Seguendo le direttive del Regolamento UE 2015/2120, la Delibera Agcom 348/18/CONS ha fissato principi chiari e rilevanti in merito alla libertà di scelta delle apparecchiature terminali.

A partire dal dicembre 2018 è stato infatti stabilito per l’utente il diritto di poter scegliere se avvalersi o meno dei dispositivi proposti dal gestore per la fruizione del servizio, non solo in fase di attivazione del contratto, ma anche sui contratti già in essere con acquisto rateizzato del modem.

Ciò si traduce sia nella possibilità per l’utente di aderire ad offerte che non prevedano il vincolo e l’imposizione obbligatoria degli apparati forniti dagli operatori, sia nella possibilità di restituire tali dispositivi e utilizzarne di propri su contratti già attivi.

Gli operatori Tim e Wind, tentando di opporsi a quanto stabilito dall’Agcom, si sono rivolti al Tar Del Lazio che ha però rigettato il loro ricorso, confermando quanto stabilito dall’Agcom, rettificando solo la possibilità per gli operatori di poter applicare degli oneri a carico degli utenti in caso di mancata restituzione dei dispositivi entro i termini previsti.

E’ quindi chiaro ed evidente che con l’introduzione di tali normative sia possibile effettuare il reso del modem all’operatore, soprattutto a seguito della chiusura del contratto, evitando il pagamento delle rate residue precedentemente previste. Ma qual è la modalità corretta per effettuare la restituzione degli apparati?

Purtroppo, ancora oggi, gli operatori dell’assistenza clienti si rivelano poco propensi a fornire le giuste indicazioni. Per questo motivo saremo noi a darvi tutte le informazioni di cui avrete bisogno!

  • Innanzitutto imballate adeguatamente il dispositivo, possibilmente utilizzando la confezione originale, in modo da evitarne il danneggiamento in fase di spedizione;
  • Dove richiesto (ad esempio nel caso di Tim) compilate l’apposito modulo di reso previsto dal gestore;
  • Conservate i documenti di spedizione in modo da poterli inoltrare all’operatore se necessario.

Queste indicazioni generali valgono per qualsiasi dispositivo, tuttavia di seguito vedremo nello specifico come procedere al reso a seconda dell’operatore.

 

Restituzione modem Tim 

Che si tratti di noleggio gratuito o di acquisto a rate, il modem Tim va restituito all’operatore entro 30 giorni dalla disattivazione della linea. All’interno del pacco va allegato il modulo di reso indicante i dati dell’intestatario del contratto e il seriale del dispositivo.

La spedizione è a carico del cliente ed è consigliabile avvalersi di un servizio tracciabile che consenta di monitorare e verificare l’avvenuta consegna. L’indirizzo da utilizzare è:

Telecom Italia S.p.A. c/o Geodis Logistics

Magazzino Reverse A22

Piazzale Giorgio Ambrosoli snc

27015 Landriano (PV)

 

Restituzione modem Vodafone

La procedura per la restituzione del modem Vodafone è davvero molto semplice da seguire.

Il ritiro della Vodafone Station (o di altri apparati come la Vodafone Tv Box o i telefoni per la rete fissa) viene effettuato tramite il corriere convenzionato DHL e può essere richiesto accedendo al link https://it.return.dhl24.com/vodafone/create semplicemente inserendo i dati dell’intestatario del contratto e selezionando il tipo di articolo da spedire. Si potrà inoltre selezionare la modalità di restituzione più comoda scegliendo tra consegna in un service point DHL o ritiro gratuito a domicilio nelle 24 ore successive.

Il reso deve avvenire entro 30 giorni dalla disattivazione delle utenze. Una volta riconsegnati i dispositivi il corriere rilascerà al cliente una ricevuta di spedizione.

 

Restituzione modem Wind

Per evitare l’addebito delle rate residue o della penale per la mancata restituzione, si dovra restituire modem Wind entro 30 giorni dalla disattivazione della linea, effettuando una spedizione a carico del mittente all’indirizzo:

WindTre c/o DHL Supply Chain

Strada Provinciale Della Cerca Km 9

20060 Mora Di Liscate (MI)

 

Restituzione modem Fastweb

Il reso del modem Fastweb deve essere effettuato entro 45 giorni dalla disattivazione del servizio. Per poter effettuare la restituzione sarà necessario contattare il servizio clienti e richiedere un codice di autorizzazione al reso. Nel caso in cui non fosse possibile ottenere tale codice, si potrà procedere autonomamente a spedire il dispositivo utilizzando l’indirizzo

SDA Express Courier S.p.A.

S. 11 angolo sp 13

20064 – Gorgonzola (MI)

 

Restituzione modem Tiscali

Onde evitare l’addebito di un importo tra i 20 e i 60 euro per la mancata restituzione del modem Tiscali, fornito a noleggio dall’operatore, la restituzione dovrà essere effettuata con spedizione a carico del cliente ed entro 30 giorni dalla cessazione del servizio, utilizzando il seguente indirizzo:

Tiscali Italia S.p.A C/O filiale magazzino SDA-Cagliari

Via Betti S.n.C Zona Industriale CASIC Est

09067 Elmas Cagliari.

Una volta effettuato il reso, si dovrà inviare un fax al numero 800910028 allegando copia

della ricevuta di spedizione con il relativo numero cliente.

 

Vuoi ricevere maggiori informazioni sui costi cambio operatore?

Hai bisogno di assistenza per compilare il modulo restituzione modem Tim?

Contattaci per una consulenza GRATUITA!

Perché rivolgersi a noi?

Zero pensieri

Ci occupiamo noi di tutto: dalla stesura della pratica all'udienza col gestore

Dalla vostra parte

Siamo dalla parte del consumatore e quindi faremo valere i tuoi diritti

Esperienza e conoscenza

Conosciamo alla perfezione le normative quindi sappiamo come tutelarti al meglio

Zero spese

Non richiediamo alcun costo anticipato per avviare la procedura

Compenso solo in caso di successo

Il nostro compenso verrà corrisposto solo in caso di esito positivo

Zero sorprese

Il compenso non prevede costi fissi ma verrà calcolato in percentuale sul risultato raggiunto

Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.